RSS

Piccoli brividi (Goosebumps, Rob Letterman, 2015)

Per parlare del recente Piccoli brividi parto da lontano, ovvero dal successo che i film di paura riscuotono tra giovani e meno giovani; anche senza il battage mediatico che accompagna certi blockbuster supereroistici, il genere horror continua ad avere una buona tenuta nelle sale, offrendo originali variazioni sul tema (il terrore del buio in Lights Out di David F. Sandberg) o dando vita a fortunate saghe (The Conjuring 2 di James Wan).

Di fronte a questo fenomeno viene spontaneo porsi delle domande:

Perché ci piace tanto la paura? Come mai, ancora nel 2016, inseguiamo con qualche filmetto spaventoso sempre nuove angosce?

Ma soprattutto viene da chiedersi come oggi, dopo aver metabolizzato tanti film di paura (o romanzi, racconti, videogame) e aver “incontrato” le più disparate creature mostruose, il pubblico possa ancora saltare sulla sedia di fronte a fantasmi, streghe, bambine indemoniate, famelici zombi.

Leggi tutto

 

Tag: , , , ,

Joe R. Lansdale oltre la narrativa, tra cinema e fumetto. Parte 4 – Lansdale e il Cinema

Nonostante sia un lettore onnivoro (Robert Bloch, Fredric Brown, Chester Himes, Richard Matheson, Mark Twain…) e trovi nelle parole lo strumento più adatto per manifestare la propria arte, Lansdale non ha mai sconfessato la passione per il Cinema, cercando di evitare rigide “graduatorie di valore” tra un media e l’altro; nell’introduzione al terzo capitolo dalla saga sul drive-in, ringrazia tutti i film visti per l’ispirazione che gli hanno dato, belli o brutti che siano: “film dell’orrore, film su bande di motociclisti, film su donne in catene, tutto quanto il repertorio” (Joe R. Lansdale, La notte del drive-in, Torino, Einaudi, 1998).

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 1, 2016 in Altro

 

Tag: , , , ,

Joe R. Lansdale oltre la narrativa, tra cinema e fumetto. Parte 3 – Lansdale e i fumetti

Per raccontare il rapporto tra Lansdale e i comics si può benissimo cominciare dal 1993, anno in cui la Dark Horse pubblica Dead in the West (1984, in Italia La morte ci sfida, Fanucci, 2008), adattamento del suo romanzo omonimo. Lo sfondo della vicenda (siamo nel 1876) è il Texas, utilizzato spesso dallo scrittore, nato a Gladewater, nel Nord-Est del Paese; per Lansdale il Texas non è solo un luogo fisico, ma anche culla di miti, fucina di leggende e sintesi dello spirito americano: in questa terra di frontiera è facile mescolare le carte, confondendo generi e media narrativi.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 14, 2016 in Altro

 

Tag: , , , , , ,

Joe R. Lansdale oltre la narrativa, tra cinema e fumetto. Parte 2 – Batman, Superman…

Nel vasto “corpus lansdaliano” trova posto addirittura una rivisitazione di Tarzan; l’autore texano rimastica un’idea di Edgar Rice Burroughs e, con Assassini nella giungla (Tarzan: The Lost Adventure, Milano, Edizioni BD, 2008), confeziona l’ultima avventura del personaggio. L’uomo-scimmia non è l’unico “mostro sacro” a passare per la penna di Lansdale, l’uomo pipistrello creato da Bob Kane vive un curioso duetto con un redivivo Jack lo Squartatore; Subway Jack (uscito per Urania in Millemondiestate 1990, ristampato da Bompiani in Batman nuove avventure del 1991) va ricordato sia per il sapiente uso di narratori diversi, sia per la prima apparizione del Dio del Rasoio, essere di un’altra dimensione che tornerà nel racconto Il Dio delle lame (God of the Razor pubblicato la prima volta in Italia su “Horror Story” numero 13, Garden Editoriale, 1992) e nel graphic novel Ombre e sangue (RW Edizioni, Novara, 2013).

Leggi tutto

 
2 commenti

Pubblicato da su ottobre 25, 2015 in Altro

 

Tag: , , , , ,

Joe R. Lansdale oltre la narrativa, tra cinema e fumetto. Parte 1 – Introduzione

Il mondo delle serie televisive è affascinante; produzioni originali come Breaking Bad, tecnicamente perfette e dai mirabolanti incastri narrativi, lanciano continue sfide al Cinema tradizionale. Contemporaneamente, però, il piccolo schermo si nutre di altri media, serializzando film di successo (Fargo, Scream, From Dusk till Down) o appropriandosi dei più disparati comics (The Flash, Agent of S.H.I.E.L.D., Constantine). Due tra i prodotti televisivi più attesi sono Preacher (AMC), tratto dall’iconoclasta fumetto di Garth Ennis, e Hap and Leonard (Sundance TV), che saccheggia i romanzi di Joe R. Lansdale. In questo articolo voglio parlare proprio dello scrittore texano, ma avvicinandomi alla sua poetica attraverso le opere non narrative (ha infatti realizzato sceneggiature per il cinema, cartoni animati, giornalini illustrati); considerata la mole della sua produzione è una bella sfida, che cercherò di portare avanti a puntate…

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 8, 2015 in Altro

 

Tag: , ,

La Grande guerra raccontata ai ragazzi di Marnie Campagnaro (Roma, Donzelli, 2015)

Nell’insegnamento della storia, i libri di testo agevolano molto il lavoro del docente; senza entrare nel merito dei singoli titoli, l’editoria scolastica ha ormai raggiunto standard qualitativi elevati nell’organizzazione ragionata dei contenuti, nei rodati percorsi tematici e nelle fonti proposte, oltre ad aver compreso la necessità di corteggiare le nuove tecnologie.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su luglio 7, 2015 in Altro

 

Tag: , , , , ,

Ancora di fiabe e cinema… un climax

“Tira più una fiaba nota che cento sceneggiature originali”, verrebbe da dire di fronte alle innumerevoli trasposizioni cinematografiche del patrimonio favolistico occidentale; solo nell’ultimo anno sono passati sul grande schermo personaggi come Cenerentola (Cinderella, Kenneth Branagh, 2015), la Bella Addormentata (Maleficent, Robert Stromberg, 2014), i sette nani (Der 7bte Zwerg, Boris Aljinovic, Harald Siepermann, 2014), per non parlare dei simulacri musical di Cappuccetto Rosso e Raperonzolo (Into the Woods, Rob Marshall, 2014). L’universalità delle fiabe assicura il successo commerciale delle pellicole, generalmente grandi produzioni ricche di effetti speciali; per lasciare a bocca aperta lo smaliziato spettatore dei multisala, viene infatti utilizzata moltissimo la tecnologia, che traduce le fantasticherie letterarie in immagini tangibili. È così che la Cinderella diretta da Branagh fa “diventare realtà” (come recita il trailer italiano) il capolavoro “senza tempo” della Disney: non è il primo caso di live action, dare corpo alle creature dell’animazione è una tendenza abbastanza usuale, si pensi a I Flinstones (The Flinstones, Brian Levant, 1994) o La carica dei 101 – Questa volta la magia è vera (101 Dalmatians, Stephen Herek, 1996).

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su maggio 31, 2015 in Letteratura per l'infanzia

 

Tag: , , , , , , , , , ,

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.