RSS

Archivio mensile:settembre 2012

Panico al villaggio (Panique au Village, Stéphane Aubier, Vincent Patar, 2009)

Panico al villaggio è un prodotto atipico, una pellicola tanto lontana dalle evoluzioni digitali della Pixar (Ribelle – The Brave) quanto dai fluidi movimenti dei pupazzi creati da Lord e Newitt (Pirati – Briganti da strapazzo). Non risponde neppure appieno alle caratteristiche del film per ragazzi; più che guardare ad un pubblico specifico, “abbassa” il proprio punto di vista a quello infantile. I due registi adattano per il grande schermo la serie televisiva omonima, creando un microcosmo di soldatini con la base e di pupazzi poco snodati (animati in stop-motion); questi giocattoli prendono vita proprio come avviene in Toy Story ma, a differenza del modello, si muovono in un contesto privo del fattore umano. In Panico al villaggio non ci sono bambini da divertire, i personaggi rispondono alle esigenze di un’infanzia perenne: il loro continuo movimento è finalizzato alla pura messa in scena, senza le limitazioni di un copione.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 26, 2012 in Letteratura per l'infanzia

 

Tag: , , , , , , , ,

The agronomist (id., Jonathan Demme, 2003)

Per i più il nome del regista statunitense Jonathan Demme (1944) è associato a quella “macchina” da Oscar che fu Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs, 1991); molti lo ricordano anche per il sensibile (e impegnato) Philadelphia (id., 1993), in cui Tom Hanks vestiva i panni di un avvocato sieropositivo risoluto a portare in giudizio la crudele realtà dei preconcetti sociali. Meno nota risulta la produzione non-fiction, tornata nella cronaca giornalistica per Enzo Avitabile Music Life, presentato alla recente Mostra del cinema di Venezia. Il documentario mostra le performance del musicista napoletano e i luoghi della sua infanzia, scegliendo una strada diversa dall’impegno dei lavori precedenti; è proprio in alcuni documentari politici di “forte impronta progressista e militante” che Demme mette il mestiere, appreso nella “bottega” di Roger Corman (maestro del low budget), e tutta la passione cinefila (ha militato nella critica) di cui è capace.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 8, 2012 in Recensioni di film

 

Tag: , , , ,