RSS

Archivi tag: Cinema

Piccoli brividi (Goosebumps, Rob Letterman, 2015)

Per parlare del recente Piccoli brividi parto da lontano, ovvero dal successo che i film di paura riscuotono tra giovani e meno giovani; anche senza il battage mediatico che accompagna certi blockbuster supereroistici, il genere horror continua ad avere una buona tenuta nelle sale, offrendo originali variazioni sul tema (il terrore del buio in Lights Out di David F. Sandberg) o dando vita a fortunate saghe (The Conjuring 2 di James Wan).

Di fronte a questo fenomeno viene spontaneo porsi delle domande:

Perché ci piace tanto la paura? Come mai, ancora nel 2016, inseguiamo con qualche filmetto spaventoso sempre nuove angosce?

Ma soprattutto viene da chiedersi come oggi, dopo aver metabolizzato tanti film di paura (o romanzi, racconti, videogame) e aver “incontrato” le più disparate creature mostruose, il pubblico possa ancora saltare sulla sedia di fronte a fantasmi, streghe, bambine indemoniate, famelici zombi…

Leggi tutto

 

Tag: , , , ,

Joe R. Lansdale oltre la narrativa, tra cinema e fumetto. Parte 2 – Batman, Superman…

Nel vasto “corpus lansdaliano” trova posto addirittura una rivisitazione di Tarzan; l’autore texano rimastica un’idea di Edgar Rice Burroughs e, con Assassini nella giungla (Tarzan: The Lost Adventure, Milano, Edizioni BD, 2008), confeziona l’ultima avventura del personaggio. L’uomo-scimmia non è l’unico “mostro sacro” a passare per la penna di Lansdale, l’uomo pipistrello creato da Bob Kane vive un curioso duetto con un redivivo Jack lo Squartatore; Subway Jack (uscito per Urania in Millemondiestate 1990, ristampato da Bompiani in Batman nuove avventure del 1991) va ricordato sia per il sapiente uso di narratori diversi, sia per la prima apparizione del Dio del Rasoio, essere di un’altra dimensione che tornerà nel racconto Il Dio delle lame (God of the Razor pubblicato la prima volta in Italia su “Horror Story” numero 13, Garden Editoriale, 1992) e nel graphic novel Ombre e sangue (RW Edizioni, Novara, 2013).

Leggi tutto

 
2 commenti

Pubblicato da su ottobre 25, 2015 in Altro

 

Tag: , , , , ,

La Grande guerra raccontata ai ragazzi di Marnie Campagnaro (Roma, Donzelli, 2015)

Nell’insegnamento della storia, i libri di testo agevolano molto il lavoro del docente; senza entrare nel merito dei singoli titoli, l’editoria scolastica ha ormai raggiunto standard qualitativi elevati nell’organizzazione ragionata dei contenuti, nei rodati percorsi tematici e nelle fonti proposte, oltre ad aver compreso la necessità di corteggiare le nuove tecnologie.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su luglio 7, 2015 in Altro

 

Tag: , , , , ,

13 febbraio 2015, anniversario di un brevetto: 120 anni di Cinematografo

Immaginiamoci seduti in una sala piena di poltrone, davanti a un grande schermo che occupa tutta la parete. Le luci si spengono all’improvviso, le voci si smorzano; in questo silenzio irreale si è come impietriti, assorbiti dalla tregua che precede la proiezione: la nostra sola compagnia è l’attesa di qualcosa. Poi, quando un fascio di luce supera le nostre teste, il film può anche cominciare.
La magia della Settima Arte è tutta qui, nel meccanismo del previsto/imprevisto, nell’inesauribile gioco delle aspettative.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su febbraio 14, 2015 in Altro

 

Tag: , , , ,

Sin City 2 – Una donna per cui uccidere (Sin City: A Dame to Die For, Frank Miller, Robert Rodriguez, Frank Miller, 2014)

Un paio di settimane fa ho spolverato un vecchio paio di occhiali 3D e sono andato al cinema, desideroso di gustarmi al meglio il lungamente atteso, almeno per noi fan di Frank Miller, Sin City 2 – Una donna per cui uccidere; senza approfondire i labirinti produttivi che hanno ritardato la realizzazione del film e poco interessato ai tristi commenti in Rete sullo stato di salute di Miller, voglio dedicare alcune righe a un’opera che, a differenza del primo capitolo, merita qualche riflessione.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su ottobre 16, 2014 in Recensioni di film

 

Tag: , , , , ,

All’ombra del proiettore. Il cinema per ragazzi nell’Italia del dopoguerra (Macerata, EUM, 2013)

Una brevissima pubblicità al mio volume All’ombra del proiettore, stampato nella collana “History of Education & Children’s Literature” delle Edizioni Università di Macerata. Il testo si propone di ricostruire una storia dimenticata, di raccontare come, al termine del secondo conflitto mondiale, alla ricostruzione del Paese si affiancò il tentativo (spesso goffo) di inventare una cinematografia a misura di bambino.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su maggio 5, 2013 in Altro

 

Tag: , , , , , ,

L’uomo perfetto (Luca Lucini, 2005)

Un po’ stanco delle commedie che pretendono di fotografare la situazione del nostro Paese, deluso dal recente Viva l’Italia (Massimiliano Bruno) e perplesso dal trailer del prossimo E io non pago! – L’Italia dei furbetti (Alessandro Capone), in questo spazio vorrei ricordare una pellicola di alcuni anni fa, un piccolo film fuori dal tempo, lontano dalle produzioni italiche per tematiche, stile e levità. L’uomo perfetto, diretto da Luca Lucini e interpretato da Riccardo Scamarcio (prima di diventare attore impegnato), è un intrattenimento intelligente, un’opera felicemente disimpegnata; già nei titoli di testa le parole della canzone Que reste t’il de nos amours di Charles Trenet riportano la memoria ai “baci rubati” raccontati da Truffaut, alla malinconica leggerezza di uno dei capitoli più belli della vita (cinematografica) di Antoine Doinel: questo accompagnamento musicale somiglia molto a una dichiarazione d’intenti.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su ottobre 25, 2012 in Recensioni di film

 

Tag: , , , , , , ,

The agronomist (id., Jonathan Demme, 2003)

Per i più il nome del regista statunitense Jonathan Demme (1944) è associato a quella “macchina” da Oscar che fu Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs, 1991); molti lo ricordano anche per il sensibile (e impegnato) Philadelphia (id., 1993), in cui Tom Hanks vestiva i panni di un avvocato sieropositivo risoluto a portare in giudizio la crudele realtà dei preconcetti sociali. Meno nota risulta la produzione non-fiction, tornata nella cronaca giornalistica per Enzo Avitabile Music Life, presentato alla recente Mostra del cinema di Venezia. Il documentario mostra le performance del musicista napoletano e i luoghi della sua infanzia, scegliendo una strada diversa dall’impegno dei lavori precedenti; è proprio in alcuni documentari politici di “forte impronta progressista e militante” che Demme mette il mestiere, appreso nella “bottega” di Roger Corman (maestro del low budget), e tutta la passione cinefila (ha militato nella critica) di cui è capace.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 8, 2012 in Recensioni di film

 

Tag: , , , ,

Biancaneve e il cacciatore (Snow White and the Huntsman, Rupert Sanders, 2012)

Sono andato a vedere Biancaneve e il cacciatore un po’ prevenuto, sicuro di assistere ad uno dei soliti (lunghissimi) blockbuster in confezione fantasy, tanto amati da frotte urlanti di adolescenti. In parte avevo torto; anche se la presenza di Troll e Fate è ridondante, poco amalgamata con gli elementi della vulgata codificata dai Grimm, gli elementi della fiaba ci sono tutti: dalle gocce di sangue sulla neve alla mela avvelenata, dai nani ai teneri animaletti che assistono la protagonista. La pellicola riesce a non annoiare, dando il meglio nell’accurata messa in scena e nelle efficaci scene di massa; la cavalcata prima della battaglia finale è addirittura, mi sbilancio, appassionante…

…Fastidiosa è, al contrario, la sensazione di assistere ad uno spettacolo già visto, un gioco cinematografico dalle regole troppo esplicite. Il richiamo a Il Signore degli Anelli (2001-2003) è forte; nel bene o nel male Peter Jackson ha fatto scuola, codificando su grande schermo l’immagine di un medioevo fantastico. Anche i nani di questo Biancaneve e il cacciatore ricordano i teneri Hobbit della trilogia, attori di statura normale rimpiccioliti digitalmente.

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su luglio 26, 2012 in Letteratura per l'infanzia

 

Tag: , , , , , , , , ,

Batman Begins (id., Christopher Nolan, 2005)

Ancora frastornati dal convulso The Avengers, gli amanti delle trasposizioni cinematografiche dei supereroi sono pronti per il nuovo costume di The Amazing Spider-Man e del terzo capitolo della trilogia su Batman di Christopher Nolan; colpisce come la creatura creata da Bob Kane nel lontano 1939, continui ad affascinare lo smaliziato pubblico di oggi. Nella sua vita a fumetti (nasce nel 1939) Batman ha vissuto molte identità, che non vanno confuse con quelle super segrete degli “eroi in calzamaglia”, ma corrispondono al carattere degli sceneggiatori che si sono alternati nella serie, alle differenze nel tratto dei disegnatori e, perché no, all’atmosfera culturale (l’uomo pipistrello per un certo periodo ha vissuto una fase “poppeggiante”). Anche il cinema costruisce un universo di difformità sull’essenza collaudata del personaggio; dopo la primitiva versione televisiva con Adam West e la sua “pancetta”, toccò vestire l’oscuro costume a Michael Keaton, nelle due regie di Tim Burton (Batman e Batman – Il ritorno, rispettivamente del 1989 e del 1992). Il regista adattò la sua sensibilità dark agli aspetti più tenebrosi del fumetto, che negli anni ’80 visse una nuova giovinezza grazie al capolavoro (mai termine fu più opportuno) di Frank Miller, Il ritorno del Cavaliere Oscuro (uscito a puntate sulla rivista “Corto Maltese” e in volume per Rizzoli nel 1989, cui seguirono numerose ristampe tra cui quella economica per la collana “I classici del fumetto di Repubblica Serie Oro”).

Leggi tutto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su luglio 8, 2012 in Recensioni di film

 

Tag: , , , , , ,